Cinema

Imprevisti digitali – Benoît Delépine, Gustave Kervern

Sicuramente gli anarcoidi Delépine e Kervern negherebbero l’influenza di una serie tv come Black Mirror sul loro Imprevisti digitali, resta di fatto che la loro ultima commedia sembra una versione buffonesca del moralismo della serie britannica. Tre protagonisti in lotta a loro modo con la tecnologia: chi contro Facebook e la sua politica verso i video di bullismo, chi contro i server di un sito porno che contengono un involontario video esplicito, chi contro il binge watching e Uber.

Il mezzo con cui i registi “pontificano” è l’umorismo, il loro umorismo svagato, stralunato, vagamente à la Tati negli intenti satirici e in qualche barlume surreale, ma anche molto parlato, che accumula, si slabbra di continuo. È una caratteristica del loro modo non allineato di intendere la commedia, il fatto che però le gag di rado vadano a segno (e che le battute vengano uccise dal doppiaggio) no, così come l’idea nostalgica, idilliaca di un mondo suburbano pieno di ideali e valori e battaglie civili assediato e anestetizzato dalla tecnologia. Ecco, Imprevisti digitali poteva essere una commedia potente su come la tecnologia ci ha cambiati, invece si accontenta di girare a vuoto rimestando su ciò che nell’idealizzazione passatista eravamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...